m u s i c a
- d a i - b a l c a n i

 


La rotta musicale del gruppo Nautilus è rivolta a est, verso quella parte d’Europa e di Mediterraneo in cui si trova la porta di accesso all’Oriente.
Questa grande area “di confine” è ricchissima di sfumature musicali frutto di antiche vicende storiche, vi si intrecciano le tradizioni cristiane bizantine, ebraiche, musulmane, luogo ove ogni etnia possiede una propria identità ma ha anche molto in comune con quelle vicine. Tutta la regione è inoltre
permeata dall’importante presenza della cultura gitana che ha radici che portano fino in India.

La musica del gruppo Nautilus è di gusto particolare, un misto europeo e orientale.
Brani scalpitanti di energia, trascinanti, ma anche melodie emozionanti e d’atmosfera, dal klezmer al gitano, dal rebetiko allo tziftetelli.

Musiche nate proprio per colorare i momenti di festa, per la danza, per raccontare di altri luoghi e di altre epoche, per giocare con la fantasia, il loro forte potere evocativo giunge alle radici stesse della musica: ai suonatori viandanti, alle orchestrine popolari.